mercoledì 26 novembre 2014

Il commercio ambulante diventa griffato

“Se Maometto non va alla montagna….”. Così deve aver pensato la stilista e imprenditrice milanese Valeria Ferlini quando ha avuto l’idea di attrezzare un’Ape Piaggio per portare in giro per la città il suo marchio, che oggi è diffuso in 21 città italiane, tra cui Monza, Torino, Forte dei Marmi, Civitanova Marche.
Se la pigrizia e il traffico scoraggiano le compratrici a muoversi per fare shopping, allora è il momento che sia il negozio a muoversi per le strade. Quindi la piccola e dinamica ape-car se ne va in giro a districarsi per le strade cittadine in cerca di clienti.  
Collezione Valeria Ferlini
Così il commercio itinerante oggi cambia nome per diventare Moving Shop (movingshop.it) e, naturalmente, un vero business. Interessata anche la Piaggio, che ha voluto diventare partner dell’organizzazione occupandosi della realizzazione dei mezzi, che naturalmente consentono di abbattere i costi di locazione, di gestione e di arredamento, oltre ad avere un grande impatto pubblicitario. Unici requisiti richiesti sono la licenza di vendita e l’autorizzazione del comune per l’occupazione del suolo pubblico.
Ora Moving Shop ha esteso il suo campo d’azione: oltre alla moda sta nascendo l’Ape bistrot con bibite e panini e Apenna, che davanti alle scuole vende pastelli e pennarelli della Fila.
Collezione Valeria Ferlini

1 commento:

  1. Bellissima idea. Lo spirito imprenditoriale italiano si sta risvegliando

    RispondiElimina