sabato 30 marzo 2013

Scarpe alte senza calze: come fare perché non facciano male

Le donne sono nate per soffrire…”. “Se bella vuoi comparire un po’ di male devi soffrire…”. La tradizione popolare, in fondo, non ha tutti i torti. Spesso le donne sono costrette a sofferenze atroci per apparire belle, sexy e alla moda.
In questa stagione, in particolare, ci aspetta un momento particolarmente problematico, che io vivo con grande angoscia: quello di togliere le calze. Chi non ha mai provato a indossare una scarpa elegante con tacco alto senza il collant non può capire a quale sofferenza terribile costringiamo i nostri piedi…
La mezza stagione, con la temperatura ancora relativamente bassa (soprattutto alla sera), e il continuo rischio di pioggia, non è ancora adatta per il comodissimo sandalo estivo: siamo costrette a infilare i nostri piedi nudi nella scarpa chiusa invernale o aperta solo in punta. Per avere un’idea di cosa significhi vi dirò solo questo: è come se all’improvviso il piede fosse cresciuto di due numeri! O sono le scarpe che si sono “ristrette”?
C’è poco da fare, è già difficile riuscire a infilarle, figuriamoci camminarci sopra per tutta la sera! E naturalmente non c’è modo di scampare all’orrenda e dolorosa vescica in corrispondenza del tendine l’Achille, che “sfrega” sul bordo posteriore della scarpa.
Dopo anni di sofferenza e angoscia e di ripiego sulle scarpe da tennis e l’abbigliamento sportivo anche per le grandi occasioni, un’amica mi è corsa in aiuto con un consiglio prezioso. Un trucco semplicissimo ed efficace al massimo: spalmare i piedi con un sottilissimo velo di crema idratante prima di infilare il decolleté. Una vera libidine! È come se il piede si “rimpicciolisse” per scivolare come un guanto nella scarpa.
Ma attenzione! Il velo di crema deve essere veramente sottile e spalmato fino al completo assorbimento: se il piede è troppo “incremato” continuerà a scivolare su e giù per la scarpa, rendendo difficile la camminata (come se si indossasse una scarpa di un numero più grande) e procurando lo stesso le odiose vesciche.

giovedì 28 marzo 2013

Cubomusica Remix Competition, il contest per aspiranti Dj

Un concorso eccezionale per un evento eccezionale. Per quanto riguarda l’evento si tratta dell’arrivo, per la prima volta in Italia, del Sensation Source of Light, la manifestazione dance più famosa e spettacolare, nata nel 2000 ad Amsterdam e che ha ormai interessato ben quindici diversi paesi al mondo.
Il 13 aprile toccherà alla provincia di Bologna ospitare la memorabile serata, che si terrà all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno. Serata che, come sempre, richiederà agli ospiti di vestire rigorosamente di bianco, il dresscode voluto da Duncan Stutterheim (uno degli ideatori dell’evento) per commemorare il fratello morto in un incidente d’auto.
Sponsor ufficiali di Sensation Source of Light due nomi d’eccezione: TIM e Cubomusica, il servizio di Telecom Italia per ascoltare in streaming un ampio catalogo di brani dal Web, sia da telefonino che da Pc.
TIM e Cubomusica, per l’occasione, hanno pensato di abbinare alla manifestazione un concorso studiato appositamente per i Dj o a quanti aspirano a diventarlo: “Cubomusica Remix Competition”, che ti offre l’opportunità di suonare come Dj nella Cubomusica Live Room, lo spazio allestito appositamente per il concorso presso l’Arena bolognese.
Come partecipare al concorso? Entro il 2 aprile, collegandosi alla fan page ufficiale di Cubomusica, hai la possibilità di registrarti  attraverso l’apposita applicazione. Un video ti spiega passo a passo le operazioni che devi fare.
Innanzitutto devi scaricare i campionamenti della traccia In Da House Tonight realizzata appositamente da Riva Starr e dal Dj Sneak. Per farlo, usa l’apposito bottone “scarica i sample” e ascolta la traccia originale. Su questa base devi creare il tuo personale White Remix dando sfogo a tutta la tua creatività e alle tue competenze tecniche. Un solo remix potrà essere ammesso al concorso e questo non dovrà superare la durata di cinque minuti.
Una volta realizzato, carica il remix nella tua pagina personale del concorso che apparirà dopo la registrazione, oppure indica il tuo link al brano attraverso www.soundcloud.com (solo in modalità dowload).
Tutti i remix saranno votati dal pubblico di Cubomusica: i dieci più gettonati saranno esaminati da una giuria di Dj di fama internazionale (tra cui Albertino di Radio Deejay, Stylophonic, Riva Starr) e presieduta dall’icona di Sensation: Mr. White. La giuria di esperti avrà il compito di decretare i due vincitori, che avranno la possibilità di esibirsi dal vivo come Dj nella Cubomusica Live Room durante il Sensation Source of Light.
Ma anche la community di Cubomusica verrà premiata. Fra tutti coloro che avranno votato i loro remix preferiti sarà assegnato un premio incredibile: una coppia di biglietti per partecipare all’appuntamento bolognese del Sensation Source of Light!
Ora non ti resta che collegarti alla pagina Facebook di Cubomusica e scatenare il tuo talento e la tua fantasia. E ricordati di condividere il post sui tuoi social network: anche fra i tuoi amici si può nascondere il protagonista  dell’evento musicale più atteso dell’anno!

Articolo sponsorizzato

lunedì 25 marzo 2013

Difendiamo le Oasi Wwf con il 5 per mille dell’Irpef

Ti basta una firma per essere una forza della natura”. Così lo slogan del Wwf ci invita a donare al fondo per la tutela della natura e dell’ambiente il 5 per mille dell’Irpef.
Per quanti volessero raccogliere l’appello della più grande organizzazione green del mondo, basta cercare nel modulo della dichiarazione dei reddito (modello 730, Unico oppure nel Cud) lo spazio “Scelta per la destinazione del 5 per mille” e mettere la firma nel riquadro “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”. Sotto alla firma, nello spazio “Codice fiscale del beneficiario”, va inserito il codice fiscale del Wwf, che è 80078430586.
Con i fondi destinati dai cittadini, il Wwf si prenderà cura delle oltre 100 Oasi e degli animali nei Cras (Centri di recupero animali selvatici), che si occupano di migliaia di esemplari feriti ogni anno a causa del bracconaggio, di incidenti stradali oppure che vengono sequestrati.
Nelle Oasi, invece, vengono preservati paesaggi, biodiversità, acque e suolo da inquinamento e devastazione, al fine di ridurre il degrado ambientale che spesso è causa di grosse catastrofi naturali e dello sviluppo di patologie gravi per l’uomo e gli animali.

venerdì 22 marzo 2013

Washapp, l’applicazione che svela i misteri della lavatrice

Sei un uomo single e ti ritrovi davanti alla lavatrice con il cesto del bucato e un bel punto di domanda in testa? O una donna moderna e dinamica, che non ha voluto saperne di sentire i consigli della mamma e al primo lavaggio ha tinto di rosa le mutande del marito? Se la risposta è sì allora questa notizia è per voi: è arrivata Washapp, l’applicazione per Android che vi svelerà tutti i segreti racchiusi in quel maledetto oblò.
Washapp è stata ideata da Stefania Lobosco, una delle partecipanti al concorso Open della Vodafone e selezionata fra più di 300 candidati: la sua applicazione è stata sviluppata, messa sul mercato, e ora è disponibile gratuitamente sul Market Android.
Grazie a Washapp è possibile mettere fine ai molti dubbi sul lavaggio in lavatrice: a che temperatura si lavano gli asciugamani, che tipo di lavaggio è necessario per i capi di lana e il cashmere, quali colori si possono lavare insieme. Inoltre è disponibile una funzione che consente di selezionare i tipi di macchie per capire come devono essere trattate.

Utilissima la guida che spiega tutti i simboli che si possono trovare sulle etichette delle istruzioni di lavaggio dei vari capi e la funzione della “lavatrice virtuale”, che vi mostrerà cosa può succedere se mischiate tessuti o colori. In più, consigli e suggerimenti per ridurre l’impatto del lavaggio in lavatrice sull’ambiente.

lunedì 18 marzo 2013

Concorso Magnum by Tau-Marin: sorprenditi su Facebook

Cari lettori, oggi vi parlo di un originalissimo concorso su Facebook che promette di lasciare tutti a bocca aperta. Si tratta del concorso Magnum Tau_Marin, lo spazzolino da denti che di bocche aperte se ne intende veramente.
Completamente nuovo, dal design unico e coloratissimo, come un capolavoro della pop-art, Magnum presenta una testina più grande del 35% di un normale spazzolino da denti per offrire una maggiore superficie pulente.
Per presentare Magnum, Tau_Marin (marchio leader nel settore dell’igiene orale) ha deciso di lanciare un concorso su Facebook davvero sorprendente, visto che il premio finale è (nientepopodimenoche) un viaggio per due persone sul Kilimangiaro. Se mentre sognate questo fantastico viaggio state facendo un’espressione di sorpresa, ecco che allora siete pronti a partecipare al concorso. Sì, perché Magnum Tau_Marin vi vuole proprio vedere così: a bocca aperta!
Andate sulla pagina Facebook Tau_MarinScatta la sorpresa” e provate a curiosare fra le immagini a bocca aperta degli utenti che hanno partecipato: una vera galleria in chiave pop delle migliori espressioni di sorpresa! Se volete partecipare anche voi al concorso non avete altro da fare che esibirvi in un’espressione “sorprendente”, scattare la fotografia a ripeterla in sequenza come in un poster che richiama le composizioni di Andy Warhol.
I premi del concorso, naturalmente, sono tutti da lasciare a bocca aperta: ogni giorno, attraverso l’instant win potete vincere uno spazzolino Tau_Marin Magnum che vi verrà recapitato direttamente a casa per rendervi partecipe di una sorprendente esperienza di igiene orale. Con la sua testina ellissoidale più ampia del 35% e il suo manico ergonomico inclinato di 10°, Magnum si adatta meglio alla superficie gengivale e vi permette di raggiungere con più facilità anche gli spazi interdentali. La testina intercambiale garantisce un’igiene perfetta e un notevole risparmio.
Chi dire poi del premio finale: un emozionante safari per due persone immersi nella natura incontaminata della splendida cornice del Kilimangiaro! Che faccia fareste se foste voi i vincitori di questo fantastico premio? Scattate la vostra fotografia e caricatela su Facebook per farci vedere come siete rimasti a bocca aperta!

Articolo sponsorizzato