martedì 4 dicembre 2012

Vogliounalternativa.it

La scuola non va bene, la politica ha deluso, le città sono inquinate, i figli non se ne vanno mai da casa, il lavoro non si trova… Vogliamo che nella nostra vita le cose vadano così? Vogliamo accettare passivamente questa società che ci ha fatto cambiare repentinamente dal “tutto e subito” al “forse, e non si sa quando”?
E perché non provare a cercare un  cambiamento ? Proporre un modello alternativo? Tornare a essere protagonisti delle proprie scelte?
È questa la sfida promossa oggi da Toyota: www.vogliounalternativa.it, un sito dove è possibile dar voce ai propri desideri, alla proprie emozioni, indicare nuove strade da percorrere. Perché sono in tanti a sentire la necessità di un cambiamento, a rifiutare l’idea di un futuro incerto, di affetti ambigui, di valori e ideali che vengono sempre meno.
Solo negli ultimi tre mesi vogliounalternativa.it ha generato più di 47 mila messaggi su Twitter in Italia. Le parole chiave? #lavoro, #strade da percorrere, #vita, #idee da condividere.
Vogliounalternativa.it riunisce in un unico sito tutta la voglia di alternativa e di desideri condivisi.
Ci sono momenti in cui la storia consegna ai giovani il compito di cambiare le sorti del proprio destino, buttando a mare i modelli desueti e inidonei che le generazioni precedenti hanno consegnato loro: un compito a cui non bisogna sottrarsi; perché quando la storia chiama, si risponde presente.
Questa mondo ha bisogno di grandi cambiamenti e tante sono le persone che pretendono un’alternativa. Un’alternativa che attiene allo stile di vita, al lavoro, alla famiglia, alle relazioni sociali… provate a dare un’occhiata ai messaggi postati sul sito della Toyota vogliounalternativa.it: vi si leggono desideri di futuro ecosostenibile, di certezze negli affetti, di un lavoro vicino a casa, di maggiore consapevolezza di essere parte di un unico grande posto chiamato Terra.
Tutti abbiamo desideri di grandi e piccoli cambiamenti. Per quanto mi riguarda, negli ultimi due anni nella mia vita ne ho apportati talmente tanti e talmente radicali da avere avuto qualche difficoltà di adattamento, ma con la convinzione di avere in mano le sorti del mio futuro.
L’importante è avere la possibilità di scelta fra più soluzioni.
E voi, a quale alternativa pensate per sistemare le piccole cose che non vanno nella vostra vita? Raccontate la vostra idea su vogliounalternativa.it, leggete le altre, seguite l’iniziativa sui canali fb, twitter e youtube e alla fine scoprite cosa succederà il 9 dicembre!

Articolo sponsorizzato

4 commenti:

  1. Simpatica ed originale iniziativa..

    RispondiElimina
  2. Questa è una bella iniziativa, io voglio trasferirmi in Francia... però mi pare esagerata come alternativa...

    RispondiElimina
  3. Beh..io mi sono giá trasferita a Colonia. Trovato lavoro...cambiato la mia vita completamente alla soglia dei 50. perciò si può fare

    RispondiElimina
  4. Interessante sito.... C'è una grande voglia di cambiare

    RispondiElimina