martedì 29 maggio 2012

Visto che sfida social cooking

Oggi vi parlo di questo concorso molto particolare, che unisce la passione per la cucina a quella del web. Si tratta del contest “Visto che sfida – social cooking”, promosso da Unilever, a cui si può aderire fino al 30 giugno. In pratica è una gara culinaria divisa in 5 sezioni corrispondenti ad altrettanti settori culinari.
Nelle prime quattro sfide si dovranno incontrare otto blogger famosi per la loro influenza in rete in campo gastronomico, e i temi a loro assegnati sono: 1. Il piacere. Cibo e desiderio: come prendere per la gola un ospite. 2. Le tradizioni. L’Italia e le sue tradizioni a tavola. 3. Tempi flessibili. Hai poco tempo per cucinare ma vuoi stupirei tuoi ospiti? 4. Voglia di esotico. Per chi si sente cittadino del mondo e vuole dimostrarlo attraverso un menu alternativo.
Per la quinta sfida, che ha come argomento “Le delicatessen”, si attende lo sfidante: lo chef Enrico Fiorentini selezionerà il fortunato che dovrà sfidare nientemeno che la famosissima Sandra Salerno, l’autrice del blog “Un tocco di zenzero”. 
Per partecipare e arrivare alla sfida con Sandra, devi andare sul sito www.vistochebuono.it e registrarti.
Dallo stesso sito o dalla pagina facebook http://www.facebook.com/Vistochebuono devi poi caricare un breve video originale che presenta la ricetta oppure un testo corredato dalla fotografia del piatto. Se sarai il fortunato vincitore, oltre a partecipare alla sfida con Sandra, il tuo nome e la tua ricetta saranno pubblicati su una confezione di un prodotto Calvé o Knorr.
Per il secondo posto è previsto l’omaggio di una macchina da cucina Bosh Mum86A1, e per il terzo un workshop con Enrico Fiorentini e un weekend “benessere” per due persone.

3 commenti:

  1. Bello questo concorso... Mi piace la sfida numero 3, tempi flessibili. Io sono sempre in cerca di piatti perfetti ma realizzati senza stare ore ed ore davanti ai fornelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che siciliana sei che non ti piace stare ai fornelli.... lascialo dire a me che sto a milano, la città dove si mangia peggio....
      mc

      Elimina
  2. mica male il terzo premio...

    RispondiElimina